La Gazzella dello Sport2015/2016
(Maschile)
Calcio a 5

Champions League

Archivio news 23/05/2016

Champions League - Recap 3° Giornata

Parità assoluta tra Shadow e CdF, Bud perfetta e All Star straripanti


                              

 

   La Classe di Ferro consolida la sua posizione e costringono al pari dei pur volenterosi Shadow. Il match è ruvido ma corretto e i cartellini gialli sventolati a Crivellaro e Pontini placano presto gli animi lasciando spazio al bal calcio. Petrucci e Ruggerone salgono in cattedra trovando la gioia personale e innescando i compagni nelle azioni più pericolosi. L'equilibrio regna sovrano e quando Penna Bianca Crivellaro prova a piazzare l'allungo ecco che a rispondere c'è il talento balcano di Telat, che con un destro mortifero regala ai biancoazzurri il secondo pareggio consecutivo.
   L'evento clou di giornata è posizionato esattamente nel cuore del turno, con il Real Diesel che incappa nella seconda sconfitta consecutiva trovando una Bud organizzata e affamata. Internicola (2), Galli e Confortino - che esulta esibendo la maglietta del neo promosso Gravina - portano i rossoneri sul 4 a 1, ma Bonacina (2), Palumbo e Carraro non ci stanno riagguantando gli avversari sul 4 a 4 a inizio ripresa; la seconda parte del match, tuttavia, è all'insegna di Alessandro Banfi. Il portiere luppolino, impegato questa volta fuori dai pali, sfodera una tripletta, stende i campioni rossoblù e si prende la palma di Man of The Match. La rete di Vago sul finale è mera statistica. 
   La valanga All Star Cislago si abbatte sugli Atletico Flavus di Merendino (1) e la scorpacciata di gol di Martegani (4), pur non risultando sufficiente per scalare posizioni nel girone, testimonia l'ottimo momento di forma degli uomini in nero. Ghisimberti, Castelluzzo e Sorrentino danno lezioni d'estetica e cinismo, con 3 reti a testa; i gladiatori lomazzesi provano a rimettersi in partita con Guzzetti e Sordelli, ma neppure la doppietta di capitan Morotti dà respiro ai Flavus. I ritmi infernali imposti dagli avversari non hanno consentito ai biancogialloblù di entrare realmente in partita, costringendo Bellantoni agli straordinari.