PINETINA - Lega B
Calcio a 5 - Maschile
14/12/2017

Appiano - Recap 8° Giornata e Live Match

Tutte le gare dell'ottavo turno appianese

di Marco Colombo

FC Impiantecna vs Desert Eagles 14-3
Hangover per Vizzini! Kone e Alba Akaba tornano a casa con il mal di testa dopo l'incontro con la premiata ditta Impiantecna che torna a vincere e a convincere. Con una formazione finalmente al completo, gli orange di Rossi (2) mandano in rete persino il portiere Ventimiglia e puntellano la manovra grazie alle geometrie dell'ingegner Alvari; a conquistare le copertine, tuttavia, è il duo Spada-Gimmelli, un enigma da 8 reti in combinata ma anche muse del frasquito Cavadini (2).

FC Sboccarda vs Classe di Ferro 6-8
Dopo un anno trascorso lontano dalle primissime posizioni di classifica, la CdF sembra aver scoperto la fonte dell'eterna giovinezza. Contro degli Sboccarda fisicamente più attrezzati, infatti, Antonicchio torna a ruggire gelando l'attonito De Carlo (2), mentre la cinquina dell'inarrestabile Clerici - 16 marcature in 4 presenze - spegne persino la fiamma del vulcanico Caruggi (4). La firma d'artista è però sempre quella di Ruggerone, mâitre chocolatier che di ciliegine sulla torta ama metterne due.

 

REAL DIESEL vs REAL CARBUNATT 4-3

REAL DIESEL: Più di un brivido scivola lungo la schiena di capitan Pellegrini nel corso di una serata quanto meno complicata per i padroni di casa. L'assenza di Cometti limita le scelte difensive al solo Vago e lasciando così i viola orfani di un caudillo difensivo quando il #5 è chiamato in panchina a rifiatare. Ivan e Francesco Spagnuolo appaiono meno brillanti del solito e Groe fatica ad angolare il pallone imbattendosi contro un estremo difensore sempre ben posizionato. Tocca così al vecchio leone Maggi alzare i giri del motore e armare il cannoniere Bonacina, che salva i suoi con una doppietta d'autore.

QUI LE INTERVISTE POST PARTITA.

REAL CARBUNATT: Difficile, anche per il più algido dei cronisti, non sostenere almeno un poco la causa di Luca Palermo. I ragazzi in maglia verde, infatti, si presentano alla Blue Arena orfani del portiere Marco Riva e della guida tecnica di Caccivio ma non certo privi della caparbietà necessaria per cercare comunque di fare risultato. Il maresciallo Garganigo si rivela scommessa vincente tra i pali e i bizzarronesi guidati dal maestro Luca Riva esibiscono meccanismi ben oliati, atti a esaltare la classe di Coira. Franzini e Fedeli caricano la bilancia della solita dose d'imprevedibilità ed è davvero solo la sfortuna a negare a Stefano Palermo il punto dell'orgoglio.


                                           


BIRRA REAL vs CPR 3-7

BIRRA REAL: Martinazzo va ben oltre il minimo sindacale ma la formidabile prestazione del portierone tigrato non basta a Casaccio per lasciare il campo con un sorriso. La capolista, infatti, non fa sconti agli appianese che, pur ingabbiando gli avversari per un tempo abbondante grazie alla giovane intesa tra Marin e Andriano, vedono un Carbonelli preso d'assedio. Nonostante la doppietta, infatti, Pisanti fatica a ribaltare il fronte mentre Granato è sistematicamente murato. Si spiega così la debaclé della ripresa, una caduta statistica che non priva comunque i ragazzi di Rubino della sicurezza di aver giocato alla pari della prima della classe.

GUARDA GLI HIGHLIGHTS PARTITA.

CPR: La compagine calabra supera il test infrasettimanale sfoggiando tra i pali i guizzi felini di El Hiba e incendiando gli esterni con l'arciere Vella e lo sgusciante Costagrande. Le lusinghiere pagelle dell'acclamata coppia Brogna-Cofone, tuttavia, devono questa volta lasciare il passo alla prestazione granitica di Sgrò, bravo a tenere in piedi i suoi nel corso di un primo tempo in cui i biancorossi, per la prima volta in stagione, sembravano davvero poter capitolare. Nella ripresa Capitan Scicchitano si rivela però un vero leader per gli ospiti, equilibrando la preziosa garra del fumantino Bottone e guidando i compagni verso l'ennesimo successo.
 

                                               


SCACCO MATTO vs REAL SOPHIA 2-9

SCACCO MATTO: Serata avara di soddisfazioni per Mori, costretto a patire una pur preventivabile sconfitta contro un avversario di svariate primavere più giovane della banda Alfieri. Nonostante l'evidente gap tecnico e atletico, tuttavia, i canarini cantano per l'intero primo tempo, mettendo i brividi alla formazione ospite con i guizzi di Beretta e i sapienti inserimenti di Crotti. A piegare l'orgoglio di Martegani è quindi anzitutto lo scorrere dei minuti, secondi che pesano nelle gambe dei padroni di casa e che neppure il monaco Banfi riesce a scrollarsi di dosso. Per finire Franguelli, che la chiude così: "Loro più forti ma possiamo dire la nostra".

QUI LE INTERVISTE POST PARTITA.

REAL SOPHIA: Capitan Carbone guida i bianconeri alla vittoria direttamente dalla panchina. Infortunato ma comunque vicino ai compagni, il leader cisalghese si gode lo spettacolo diretto dal maestro Chiappucci, illusionista del pallone e eterna fonte d'ispirazione per il cinisme di Negretti, vero e proprio animale da area. La serata da sbadigli di Mazzoleni, mai realmente impensierito dalle sortite avversarie, è gentilmente offerta da Piccolo, la cui straordinaria somiglianza con il bomber blaugrana Suarez non gli impedisce di esibire la più granitica delle prestazioni difensive. Nota a margine, infine, per Popper Bonacci, un'iniezione d'adrenalina!