La Gazzella dello Sport2015/2016
(Maschile)
Calcio a 7

Gazzetta Football League

Archivio news 06/04/2016

Gazzetta Football League - Recap 17° Giornata

Clandestinos passeggiando, il risveglio della Locanda e i Live Match di domenica

                       

   La miglior difesa è l'attacco! Questo il motto di dei Clandestinos Zemaniani, che si affidano ai gol del solito Mendoza (4) per schiantare un'Agurese comunque degna dell'onore delle armi. Per i verdi Gioga e Giaccio sono una boccata di aria fresca e le loro doppiette regalano un pizzico di illusione agli uomini di Miglierina (1); a riportare i padroni di casa con i piedi per terra ci pensa Fernandez con 3 schiaffi da urlo, assistito dall'amuleto Enrique che con la sua doppietta chiude definitivamente i giochi. Le marcature di Vitanza (Agurese) e del duo Vera-Pilaquinga (2, Clandestinos) sono dunque l'ultimo tocco all'entrée di giornata.
   La Locanda del Bruco esce dalla crisi, fermando dei Seven United che stavano vivendo il loro risorgimento. Per gli orange, nonostante un Ferro "magnetico" a metà campo, i padroni di casa faticano a organizzare la manovra mentre Malnati (1) e Cilla (1) macinano gioco. Sulla serata lozzese si staglia la firma di Zotti, che con il suo destro sornione fa impazzire i difensori avversari e si porta a casa il pallone grazie a una roboante tripletta. Match a senso unico, dunque, con l'unico sussulto United - Macchi - ricacciato in gola dalla prodezza di un ispirato Arcifa.


LA TRAVE VS SALENTO 3-7

   Vincere, per rispondere ai Clandestinos. Vincere, per rispondere alle critiche. Questi gli obiettivi di Salento 12 e di La Trave nell'open match della domenica lozzese.
La determinazione dei giallorossi sembra essere più forte sin dai primi battiti dell'incontro, con Lorena e Raucher che fanno a fette la difesa di casa e proiettano i salentini sul +3 dopo nemmeno 10 minuti di gioco. Acquisito l'ampio vantaggio gli ospiti si siedono e la loro manovra si invischia tra le maglie dei centrocampisti Ambrosini e Stefano Ferrara. Al 15' Sassi colpisce la traversa, ma il gol è nell'aria per i biancoverdi che al 17' trovano il gol con Perrotta, rapace ad avventarsi sulla palla tesa battuta da Corrà. Lorena ricomincia a premere sull'acceleratore e Mugavero si deve superare per tenere in corsa i suoi, ma l'occasione più ghiotta capita a Fabio Ferrara, che colpisce in malo modo a tu per tu con Franguelli.

INTERVISTE POST PARTITA A CORRÀ (La Trave) E A NOVELLO (Salento 12)

   La ripresa segna il ritorno in campo di Cantello, uscito nella prima frazione per un fastidio al ginocchio, il suo però è solo un tentativo e con il riacutizzarsi del dolore la mediana ospite assume le fisionomie di Villivà e Novello. Le bocche da fuoco però non cambiano e Lorena si appunta i gradi di Migliore in Campo prima assistendo Raucher per il 4-1 e poi piazzando il quinto gol con una magia di destro. La Trave accusa il colpo e non si rialza più, i reparti si allungano e il giro palla risulat sfilacciato e poco efficace. Lo schiaffo di Lorena al 36' sembra ridestare l'orgoglio dei padroni di casa che salvano la faccia grazie allo splendido pallonetto di Perrotta e alla perfetta riuscita di un nuovo tentativo da calcio piazzato: Corrà Mr. Assistman e Sassi Capitan Gol! Nemmeno il tempo di festeggiare e il referto arbitrale si completa; il nome è sempre quello, segnato cinque volte: Lorena, what else?

                                      

 



 




MAIFREDI PIATTAFORME VS ROSSI CORSE/I CASA MIA 4-1

   Aria tesa, aria di derby quella tra Maifredi Piattaforme e Rossi Corse/I Casa Mia. E la partita la respira a pieni polmoni.
Avvio equilibratissimo, con D'Alia che si fa trovare pronto dopo soli 180secondi e fredda Ribera sul suo palo; con queste premesse l'incontro sembrerebbe seguire le tracce del precedente confronto tra i blues e i neri di Lozza, ma Bert Prelashi ha tutt'altre intenzioni e risponde immediatamente con una rasoiata da fuori area che brucia l'intervento di Tripodi. I padroni di casa riprendono così il forcing e sfiorano il vantaggioc on Elfarsi, Pedone e Di Muro, che centra un palo clamoroso. Noci cerca di farsi spazio sulla sinistra, ma la retroguardia dei Maifredi è attenta e risponde con Cataldo. Al 17' è ancora il siculo D'Alia a scaldare la platea con un gioco di prestigio che bacia il cotone e accende il 2 a 1 Piattaforme. Animi caldi, come preannunciato e Dalla Pozza viene ammonito per un'uscita anticipata dai blocchi in occasione della punizione di Elfarsi - fuori di poco. I primi venti minuti si chiudono con la botta di Maimone, che trova però attento il portiere avversario.

SALA STAMPA AFFOLLATISSIMA: DI MURO, STRAZZIERI E CATALDO e il coach dei Maifredi Piattaforme; RIBERA, TERZIROLI e il mister de I Casa Mia.

   Cresce il nervosismo nella seconda metà di gara e dopo le schermaglie iniziali i due capitani guadagnano anzitempo la via degli spogliatoi: rosso diretto per Dalla Pozza e per D'Alia protagonisti di un episodio sul quale è preferibile sorvolare.
Le due formazioni perdono i loro uomini simbolo ma non la voglia di divertirsi e giocare, gli animi si raffreddano e con l'uomo in meno le occasioni non mancato. Il possesso palla resta quasi nelle mani dei Rossi Corse, che vengono però fisicamente murati da un avversario attento e che giova del continuo ricambio energetico garantito da una panchina profondissima. Alban Prelashi sfiora il gol dopo un bel numero sull'esterno e spreca con Uldeday la palla del possibile 3 a 2. Gol sbagliato e gol subito, vecchio adagio sempre d'attualità: ed ecco che dall'altro lato è Di Muro a involarsi lunga la fascia destra e a mettere in mezzo per l'accorrenti Strazzeri. Per il numero 5 dei blues la gioia del gol arriva a coronamento del ritorno in campo dopo un brutto infortunio. Welcome Back!