La Gazzella dello Sport2015/2016
(Maschile)
Calcio a 7

Gazzetta Football League

Archivio news 21/04/2016

Gazzetta Football League - Recap 19° Giornata

Clandestinos a un passo dal titolo, Salento 12 per l'ipoteca e Locanda sul podio


                             

   Lo scorso week end lozzese potrebbe essere ricordato a fine stagione come il turno della svolta. 
A fronte del rinvio di Seven United vs La Trave, infatti, le Big varesine hanno tutte lasciato il segno sulla 19° Giornata!
   I Clandestinos non battono ciglio nemmeno d'innanzi a un avversario spigoloso come i Rossi Corse/I Casa Mia dello scintillante De Luca (1) e si portano ad un solo punto dallo Scudetto. Mendoza porta sempre la sua mollica di pane, ma è Bryan Pilaquinga l'istrione di serata, con una tripletta che strocnca le speranze di rimonta dei neri di casa, che attaccano fino alla fine con Albano e Bert Prelashi. A mettere una croce sulla pratica del venerdì ci pensa poi un altro Pilaquinga, Erick, bravo a sfruttare un'incertezza della retroguardia avversaria.
   Il clou della terzultima giornata della Gazzetta Football League, resta tuttavia il big match tra Maifredi Piattaforme e Salento 12. I Blues, martoriati dalle assenze perdono nel corso del match ancheil terzino Cataldo, espulso per doppio giallo, e finiscono per naufragare nella mareggiata Lorena (3 reti e pallone d'oro per il falso 9 salentino). Eppure proprio la rete di Cataldo e il tap in di D'Alia avevano fomentato le speranze di vittoria dei Maifredi, che scivolano invece ora in quarta posizione e sembrano ormai aver perso la corsa al secondo posto, messo in cascina dai giallorossi ospiti grazie al gol di Tomasini.
   Ad approfittare di questo tonfo è La Locanda del Bruco, che alza il ritmo, mette la freccia e si accasa al terzo posto giovando del netto 6 a 1 inferto all'Agurese. Gli uomini di viale aguggiari coprono bene il campo ma non si rendono mai pericolosi, se non col rientrante Gioga e finiscono per essere travolti dal dinamismo di Capitan Carlessi (2). Il direttore dirige l'orchesta del Bruco dando spazio agli assoli di Cervellino e Malnati, sostenute dall'estro di Pellegrino e Loglisci, che completano così la partitura della Locanda. Agurese cuore caldo, con ben due ammoniti: Li Trenta e Marrofano.